Spiegata la nuova linea temporale degli X-Men

Bryan Singer e Simon Kinberg spiegano la nuova linea temporale degli X-Men

X-Men: Giorni di un futuro passato è stato un gran film nella serie degli X-Men. Non solo perché ha messo insieme il cast originale e quello nuovo. E non solo perché ha segnato il ritorno del regista Bryan Singer nella serie, ma anche perché ha annullato l’intera sequenza temporale e ha cancellato l’esistenza di eventi di X-Men, X2 e X-Men: conflitto finale.

Questo ha dato la possibilità a Simon Kinberg, produttore e autore, di continuare a creare nuovi film degli X-Men ambientati nel passato, tenendo in sospeso il destino dei personaggi. Così mentre X-Men: Apocalisse si svolge nel 1983, la storia e i personaggi non si stanno necessariamente spostando verso gli X-Men del 2000 che conosciamo.

Confusi? Infatti, ogni qualvolta avrete a che fare con i viaggi nel tempo, seguiranno complicate ipotesi, ma la serie degli X-Men è doppiamente intricata dato il numero di personaggi e di storie coinvolte.

Kinberg, intervistato da Collider,  ha spiegato esattamente come Giorni di un futuro passato altera gli eventi di X-Men, X2 e X-Men: Conflitto Finale e quindi la linea temporale degli X-Men

Non si tratta necessariamente di andare verso il punto in cui abbiamo lasciato Patrick Stewart e gli X-Men all’inizio di X-Men 1. Ci sono alcune cose che ci portano in quella direzione, questo era parte della filosofia che seguivamo alla fine di Giorni di un futuro passato. Ossia che non puoi cambiare completamente la corrente o il corso del fiume, ma puoi solo modificarlo appena un po’, e noi l’abbiamo modificato appena un po’. Così alcune cose saranno delle sorprese. Dei personaggi potrebbero morire ma essere vivi in X-Men 1, 2 e 3. O dei personaggi potrebbero essere vivi anche se erano morti in 1, 2 e 3.

La scena di Tivo come metafora della linea temporale degli X-Men

La metafora del fiume ha entusiasmato Singer ed è essenzialmente la ragione per cui “la scena di Tivo” esiste in Giorni di un futuro passato.

 

 

Cosa succede quando usi Giorni di un Futuro Passato per cancellare film come X1,2 e 3? Sì, puoi cancellare quegli eventi, ma ero anche inflessibile sull’avere quella che chiamiamo “la scena di Tivo”. La scena in quella stanza, con tutte le video camere in Giorni di un futuro passato, io quella la chiamo la scena di Tivo. “Ho sviluppato questo pezzo di tecnologia che permette di registrare la televisione” il punto è che il tempo è immutabile. L’idea che il tempo è come un fiume. Puoi spruzzare e lanciare sassi e incasinarlo ma alla fine è come se si ricomponesse e questa è, di nuovo, la fisica dei quanti. Tutto si basa sulla fisica dei quanti.

Tutto può succedere

Il regista continua poi spiegando l’incertezza che circonda i vecchi personaggi quando erano giovani.

Quindi quello che sto facendo fra un sequel e l’altro è giocare con l’immutabilità del tempo e il concetto di “prequel”, e significa che abbiamo cancellato la trama e ogni cosa può accadere. Questo significa che il pubblico entrerà nelle sale sapendo che qualsiasi cosa può accadere. E intendo qualsiasi cosa, chiunque può morire. Si potrebbe verificare qualsiasi cosa, ma i personaggi si stanno spostando ancora verso il proprio luogo immutabile. Jean e Scott sono fatti per stare insieme? Scott è davvero il tizio che odia la scuola, odia le autorità ed è destinato a diventare il leader? Non puoi saperlo. Jean scoprirà mai la potenza dei suoi poteri? Non puoi saperlo. Ci spostiamo verso il momento di saggezza del personaggio e poi abbiamo la libertà di fare della storia quel cavolo che vogliamo perché abbiamo cancellato quei tre film.

Il concetto di Prequel

Singer ha aggiunto che con X-Men: Apocalypse mira a distorcere completamente il concetto di “prequel”:

Non hai idea della direzione in cui sta andando il prequel, ma in qualche modo sai dove tu vuoi che vada, dove tu vuoi che finiscano quei personaggi, e questa è la meraviglia di Giorni di un futuro passato. Ed ecco perché ho combattuto duramente per assicurarmi di avere Hank McCoy che parla della teoria dell’immutabilità del tempo, perché questo definisce quello che sto facendo con questo universo e con questi prequel di X1, 2 e 3 che sono stati cancellati… o forse no?

Kinberg controbatte dicendo che dal momento che la linea temporale degli X-Men è stata annullata, ora tutto si muove verso il “New Future” che Wolverine ha risvegliato alla fine di Giorni di un futuro passato, in cui Scott, Jean, Hank, Rogue, ecc sono vivi:

Tutti questi film ora esistono sulla stessa linea temporale e senza dubbio l’intenzione alla fine diGiorni di un futuro passato era che quel futuro che abbiamo visto fosse la destinazione dei personaggi. Così, salvo un ulteriore viaggio nel tempo o qualcosa che sconvolga la sequenza temporale, quello sarà il destino dei personaggi.

New Future (il nuovo futuro)

Comunque Singer non è così convinto che “New Future” definisca la fine, controbattendo che mentre i personaggi sono sul “fiume” in direzione di quel punto, possono sempre verificarsi dei dirottamenti:

Abbiamo imparato che con il tempo ci si può giocare. Abbiamo imparato che una volta che alteri il tempo, che potrebbe essere il futuro, ma non lo potrai mai sapere con certezza se guardi tutti i film di X-Men e Giorni di un futuro passato. Non penso propio ci sia nulla di definitivo.

Il regista è andato oltre aggiungendo che il destino dei personaggi nella scena “New Future” non è scolpito sulla pietra:

Potrei uccidere qualsiasi di quei personaggi ogni volta che voglio. Il gioco è ancora aperto. Tutto può accadere. Quando due cose stanno accadendo simultaneamente, nella fisica dei quanti viene chiamata Sovrapposizione. E quando alla fine l’osservatore analizza il risultato, quello è chiamato il “Crollo della sovrapposizione”, che è quanto accade quando Wolverine si sveglia e si ritrova nel momento felice nella scuola. E sì, questo è il risultato che speriamo, è il risultato a cui ambiamo, ed è il risultato verso cui ci dirigiamo, ma in Giorni di un futuro passato abbiamo visto un altro mondo oscuro. Chi dice che non possa succedere ancora? Chi dice che il risveglio di un essere che ha così tanto potere non possa acquisire il potere di destabilizzare tutto questo? Quindi tutto è ancora possibile. Questo è quello che ci piace pensare succeda, questo è quello che Simon vorrebbe credere sia un buon finale, ma per me i giochi sono ancora aperti.

In conclusione

Quindi, per riassumere, la scena del “New Future” alla fine di Giorni di un futuro passato è quella in cui tutti i personaggi degli X-Men si ritroveranno, ma non è certo. Singer si riserva il diritto di sconvolgere ulteriormente le cose. È eccitante vedere come la conversazione fra i registi circa il destino dei personaggi dell’universo degli X-Men è ancora in corso. Se abbiamo imparato qualcosa da queste serie, è che il futuro non è ancora definito. E questo significa che mentre X-Men: Apocalisse introduce intrecci fra i personaggi giovani preferiti dei fan, come Ciclope e Jean Grey, non abbiamo ancora idea in che tipo di personaggi adulti questi si trasformeranno.
In poche parole, Singer sta rilanciando la propria serie in modo che mantenga l’incertezza e che gli dia una più o meno chiara traccia per ri-interpretare i personaggi senza abbandonare quello che c’è stato in precedenza.
È una impostazione geniale, che ne pensate?

 

2956 views

One comment

  1. Mah è semplicemente un modo paraculo per pararsinin futuro degli errori e di cercare di risolvere le.incongruenze con i film passati…film ad effetto.sicuramente ma non per questo giustificabili

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *