Cos’è e chi fa parte del Black Order di Thanos?

Grazie a due Tweet del produttore Luois D’Esposito possiamo ammirare le statue del Black Order di Thanos e del guanto dell’infinito. 

Oggi a D23 Expo Marvel, come già sarete venuti a conoscenza in caso contrario cliccate qui, è stato mostrato il primo filmato di Avengers: Infinity War. Ma non è tutto quello che il pubblico ha potuto ammirare. Infatti sono state svelate le statue del Black Order di Thanos e quella di quest’ultimo. Il Black Order sarà l’alleato che aiuterà Thanos a recuperare le Gemme dell’Infinito.

Il produttore Louis D’Esposito ha scritto nel suo tweet che questi sono “Figli di Thanos”, quindi presumibilmente questi personaggi sono concettualmente simili a Gamora e Nebula. Ovvero alieni rapiti e allevati per essere guerrieri in servizio di Thanos. Quindi le loro origini saranno in parte diverse da quelle dei fumetti.

Da sinistra a destra abbiamo:

Corvus Glaive 

  • Apparso per la prima volta in Free Comic Book Day Vol 2013 Infinity, scritto da Jonathan Hickman e disegnato da Jim Cheung, apparentemente morto in Thanos vol.2 n.1 (2017). Era sposato con Proxima Midnight. Inizialmente era uno dei generali più apprezzati da Thanos. Il suo compito era riscuotere tributi dai pianeti conquistati dal Titano. Ma in seguito questo “idillio” tra lui e Thanos venne meno e questo ne sentenzio la sua fine. Corvus preferì suicidarsi che essere catturato vivo da Thanos per non e subirne le atroci conseguenze. Fu Thanos ha potenziarne forza, velocità, e resistenza e inoltre possedeva delle lame in grado di tagliare qualsiasi cosa, anche la pelle di Hulk. Le stesse lame lo rendevano virtualmente immortale. 

Proxima Midnight 

  • Apparve per la prima volta in New Avengers Vol 3 #8 (2013) scritto da Jonathan Hickman e disegnato da Mike Deodato, apparentemente morta in Unworthy Thor #5 (2017). Proxima Midnight, moglie di Corvus Glaive, era una delle migliori combattenti di Thanos, fu spedita da quest’ultimo sulla Terra per recuperare la Gemma dell’Infinito di Namor. Ma alla fine la sua missione falli, e ciò deluse Thanos. Era dotata di super-forza e super resistente. La sua lancia creata appositamente per lei da Thanos che sfruttava il potere di un sole le permetteva di recidere qualsiasi materiale. Inoltre rilasciava una tossina letale. 

 

 

Ebony Maw 

  • Apparve per la prima volta in New Avengers Vol 3 #8 (2013) scritto da Jonathan Hickman e disegnato Mike Deodato. Non è un combattente diretto, ma è piuttosto lo stratega del Black Order. Fu inviato da Thanos per trovare suo figlio Thane sulla Terra e per questo affrontò il Dottor Strange, che sconfisse. Dopo alterne vicende fu finalmente catturato e imprigionato. Ma la sua detenzione durò poco, infatti riuscì a fuggire. Ebony Maw è dotato di intelligenza superiore e la sua specializzazione è nella persuasione. Utilizza un dispositivo di teletrasporto e un generatore di campo di forza.

 

Black Dwarf

  • Apparve per la prima volta in New Avengers Vol 3 #8 (2013) scritto da Jonathan Hickman e disegnato da Mike Deodato, apparentemente morto in Avengers Vol 5 #23 (2014). Fratello di Corvus Glaive, fu inviato da Thanos per conquistare Wakanda, ma fu prontamente sconfitto da guerrieri della famosa nazione africana e da Black Panther. Per questo fallimento, Thanos lo espulse dal Black Order, ma in seguito gli offrì una seconda possibilità. Sfortunatamente fu proprio durante questa missione e nella battaglia che ne conseguì che fu ucciso da Ronan l’Accusatore. Era dotato di super-forza, densità aumentata che rendeva la sua pelle virtualmente impenetrabile. 

Al centro noterete Thanos  che finalmente possiamo ammirare in tutta la sua malvagità.

Ricordiamo che tutti i personaggi appena descritti, nei fumetti hanno fatto parte del Black Order.

D’Esposito ha anche pubblicato una foto del Guanto dell’Infinito con inserite le Gemme. Noterete che il guanto è diverso da quello che abbiamo visto nei mesi passati. risulta essere più dettagliato e le Gemme sono meno lucide. Osiamo dire che sono più “grezze”, più usurate di quelle viste fino a oggi.

1588 views

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *