L’arco narrativo di Captain America spiegato da Joe Russo

Joe Russo ha parlato dell’arco narrativo che ha coinvolto Steve Rogers da quando il personaggio è stato preso in mano dai fratelli Russo, ovvero da Captain America: The Winter Soldier.

Dopo aver mostrato il primo trailer di Avengers Infinity War al San Diego Comic-Con tutti noi abbiamo visto uno Steve Rogers cambiato, con la barba e senza scudo. Joe Russo lo nomina con un nuovo alias: Nomad. Il regista dice:

I lettori di fumetti ricorderanno una storia breve incredibile (Capitan America n. 180-184) in cui Rogers, disilluso dalla rivelazione dell’esistenza del Secret Empire in America, si tolse il costume da Capitan America e indossò un’uniforme blu e gialla con cappuccio.

Come potete vedere in questo storico numero la dicitura dice “La fine di Captain America e le straordinarie origini della nuova identità di Steve Rogers”

Non vedremo un duplicato esatto di quel costume in Infinity War, il costume di Rogers renderà solo omaggio al suo tempo come Nomad. Vale anche la pena notare che l’aspetto barbuto, che è il look preferito di Chris Evans (potete leggere le sue dichiarazioni QUI), assomiglia al Rogers in Dimension Z di Rick Remender.

Il passaggio a Nomad è più di un bel cenno ai fumetti. Rogers, come ha fatto nei fumetti, si è disilluso di ciò che ha dovuto sacrificare per fare le cose che sa che deve. I Russo hanno seminato i semi di questa mossa all’inizio di Civil War e Rogers ha avuto un grandissimo arco personale nel corso dei film in cui è apparso. La sua decisione di diventare Nomad è rappresentativa di lui che non cerca più di seguire gli ordini o persino di darli, ma di fare semplicemente ciò che crede sia giusto.

Anche Chris Evans e Sebastian Stan parlando con ESPN hanno tirato fuori l’argomento di Nomad. Russo adesso parla dell’approccio al personaggio

Il nostro approccio [a Steve Rogers] è stato quello di decostruirlo, di portarlo in una direzione diversa. Ovviamente non si può trattare un personaggio chiamato Capitan America senza affrontare le tematiche che ci stanno dietro, quindi volevamo metterlo in una posizione in cui mettere in discussione la catena di comando.

I fan si saranno accorti che in The Winter Soldier viene messo in discussione tutto il suo mondo e lo SHIELD sul quale faceva molto affidamento decade. In Civil War non vuole firmare gli accordi di Sokovia vedendo meno al suo dovere di soldato e così la sua identità di Nomad si va costruendo, di Avengers Infinity War ne parla Joe Russo

Vedrete nei prossimi film degli Avengers il suo personaggio in uno specifico viaggio. Alcune persone sospettano che lui possa essere Nomad in Avengers 3 e io non vorrei dire che è esattamente Nomad, ma ha lo spirito di quel personaggio.

Vi ricordiamo che Chris Evans con Avengers 4 ha terminato il suo lavoro nell’MCU. Quindi a meno di clamorosi passi indietro non tornerà nei panni di Captain America. I papabili prossimi Captain America potrebbero essere Bucky o Sam Wilson (che lo è stato nei fumetti). Ma come vi abbiamo anticipato il prossimo Cap potrebbe anche essere donna dato che Kevin Feige sta pensando di costruire un Avengers al femminile, la notizia la potete leggere QUI.

Per continuare la discussione vi invitiamo a iscrivervi al nostro gruppo Facebook cliccando QUI

Iscriviti al nostro gruppo ufficiale Facebook per contenuti esclusivi!

 

Fonte: Digital Spy

962 views

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *