Black Panther: un film Regale – La recensione in anteprima

Da mercoledì 14 febbraio, nei cinema, arriva il nuovo film Marvel Black Panther, ecco la nostra recensione in anteprima.

Non sono presenti Spoiler (rivelazioni importanti sui fatti del film)

Avevamo lasciato il principe T’Challa (Chadwick Boseman) alle prese con l’improvvisa morte del padre, vittima dell’attentato di Helmut Zemo in Captain America: Civil War. Da quel momento fatidico è passata circa una settimana, e l’erede al trono di Wakanda, nazione africana ufficialmente povera ma in realtà tecnologicamente avanzata grazie ad abbondanti riserve del metallo noto come vibranio (lo stesso usato per lo scudo di Steve Rogers), torna a casa per essere ufficialmente incoronato. Lo attendono però due minacce in stretto legame tra di loro: Ulysses Klaue (Andy Serkis), spietato mercenario e contrabbandiere sudafricano che in passato ha sottratto una notevole quantità di vibranio, ed Erik “Killmonger” Stevens (Michael B. Jordan), soldato americano che ha un piano molto particolare per l’equilibrio del potere nel Wakanda.

black panther recensione

Black Panther nel Marvel Cinematic Universe

Black Panther è il diciottesimo film del Marvel Cinematic Universe, il franchise nato dieci anni or sono con l’uscita di Iron Man, e l’ultimo realizzato prima dell’imminente uscita di Avengers: Infinity War, il kolossal che riunirà tutti gli eroi cinematografici della Casa delle Idee contro la minaccia di Thanos. Anche T’Challa farà parte del cast sterminato del film dei fratelli Russo, ma la sua avventura in solitario non è affatto un lungo preludio: i rimandi ai lungometraggi passati sono pochissimi (Civil War viene evocato solo per contestualizzare l’ascesa al trono del protagonista), quelli al futuro praticamente inesistenti (chi sperava nella conferma ufficiale del Wakanda come sede dell’ultima Gemma dell’Infinito potrebbe rimanere deluso). Per la prima volta da diversi anni, abbiamo a che fare con un film Marvel autoconclusivo, fruibile anche da parte di chi, per un motivo o l’altro, non apprezza i tipici racconti di supereroi sullo schermo.

black panther recensione marvel fever

La regia, Wakanda e il miglior cattivo Marvel

Il regista Ryan Coogler, già abituato a mescolare il mainstream e il personale grazie a Creed – Nato per combattere, firma un’avventura riconoscibilmente collocabile nell’universo Marvel ma allo stesso tempo dotata di un’identità propria: lontana dalle location americane tipicamente associate agli Avengers e quelle cosmiche dei Guardiani della Galassia, la storia di T’Challa crea un mondo inedito, quello del Wakanda, e inserisce in un contesto action una riflessione geopolitica che si ricollega al passato (Killmonger, il miglior cattivo della Marvel dopo Loki, menziona apertamente la tratta degli schiavi) e al presente (l’ombra di Rodney King aleggia sulla brevissima trasferta statunitense). Spettacolo, divertimento e riflessione sociale vanno di pari passo, generando un blockbuster dotato di cuore e cervello e dove sono proprio le scene di combattimento a deludere in alcune occasioni.

black panther recensione marvel fever senza spoiler

Black Panther apre una nuova era del Marvel Cinematic Universe

T’Challa non è Tony Stark, non è Thor, non è Steve Rogers. Entra in scena già pronto per l’azione, libero dal peso di una origin story che non è necessario applicare in questa sede. Una figura regale che sul piano filosofico, spirituale e geografico ci porta in un nuovo angolo del Marvel Cinematic Universe. Meno intriso di gag ma altrettanto coinvolgente. Secondo la terminologia ufficiale della Casa delle Idee siamo vicini alla fine della Fase Tre, ma con l’uscita di Black Panther se ne inaugura contemporaneamente un’altra, che rinuncia allo stereotipo del supereroe WASP (bianco e anglosassone) e continua a diversificare l’offerta dello studio che, nel bene e nel male, ha rivoluzionato il modo di concepire il cinecomic. Wakanda per sempre!

black panther recensione anteprima

In conclusione…

Non è l’ennesimo film Marvel, grazie all’impronta registica forte di Ryan Coogler che accantona alcune convenzioni del franchise per raccontare una storia per lo più inedita sullo schermo. Nel mondo dei lungometraggi dedicati ai supereroi è in arrivo un nuovo sovrano, in tutti i sensi.

Per continuare a parlare di Black Panther e dell’Universo Marvel vi invitiamo a iscrivervi al nostro gruppo ufficiale Facebook cliccando su questo link: https://goo.gl/WuhBNo.

Vi invitiamo inoltre nel nostro nuovo canale YouTube dove vengono caricati ogni settimana contenuti esclusivi: https://goo.gl/hpQxd2

1914 views

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *