black panther marvel spot

Black Panther, dai fumetti al cinema: un viaggio durato cinquant’anni

Dalle rivendicazioni degli AfroAmericani passando per l’idea di Stan Lee al cinema oggi. Arriva Black Panther

Approfondimenti, differenze con il fumetto e curiosità su Black Panther

L’articolo contiene spoiler sul film Black Panther

Il personaggio di T’Challa, re e protettore di Wakanda dotato di superpoteri e noto anche come Pantera Nera. Creato da Stan Lee e Jack Kirby nel 1966, appare per la prima volta nel numero 52 del mensile dei Fantastici Quattro.
Cinquant’anni dopo abbiamo assistito al debutto cinematografico del supereroe africano in Captain America: Civil War, con le fattezze di Chadwick Boseman. L’attore è ora protagonista di Black Panther, diretto da Ryan Coogler e collocato nella Fase Tre del Marvel Cinematic Universe. Già in Iron Man 2 e Avengers: Age of Ultron si era fatto allusione all’esistenza di Wakanda e al suo legame con il vibranio, il metallo di cui è fatto lo scudo di Captain America. Un traguardo di un certo peso per colui che, storicamente, è stato il primo supereroe nero nei fumetti americani.

RE tchalla Black Panther fumetto cinema

Il 1992

Già nel 1992 un certo Wesley Snipes, successivamente noto per aver interpretato un altro personaggio Marvel al cinema (Blade), aveva dichiarato di voler portare sullo schermo le avventure di T’Challa.
Il personaggio faceva parte del gruppo annunciato dalla Marvel nel 2005, quando è nata l’idea di realizzare un universo cinematografico simile a quello dei fumetti.
Il 1992 è un anno importante anche nel film di Coogler. Con una posizione centrale in un flashback sulle motivazioni di N’Jobu, zio di T’Challa e padre di Erik “Killmonger” Stevens. Quella del 1992 è una sequenza che si riallaccia all’attualità. Evoca infatti le proteste dell’epoca in seguito al pestaggio di Rodney King e le ingiustizie che ancora oggi colpiscono le persone di colore negli Stati Uniti (e non solo). Questa è la variante moderna di una carica politica che ha sempre fatto parte delle storie di Pantera Nera: nel 1976, nei numeri 19-24 della testata Jungle Action, T’Challa affronta il Ku Klux Klan.

killmonger Black Panther fumetto cinema

Differenze tra film e fumetto

Black Panther adatta cinque decenni di materiale con fedeltà spirituale ma non sempre letterale.

  • Per questioni di diritti il primo amore di T’Challa non si chiama Ororo Munroe (alias Tempesta degli X-Men).
  • Killmonger non è più il vero cognome del villain ma solo un soprannome.
  • Gli elementi potenzialmente offensivi del personaggio di M’Baku (noto nei fumetti per il suo costume da gorilla e il nome di battaglia Man-Ape) sono stati rimossi.
  • Potenziali sviluppi futuri, come la possibilità che T’Challa venga sostituito provvisoriamente dalla sorella Shuri, sono presenti in forma di ammiccamento ironico.
  • Sebbene manchi la conferma ufficiale all’interno del film stesso è molto probabile che il Wakanda sia la sede dell’ultima Gemma dell’Infinito, capace di controllare le anime dei vivi e dei morti (mentre nei fumetti T’Challa è stato in possesso della Gemma dello Spazio, che al cinema è apparsa sotto forma di Tesseract/Cubo Cosmico).

t'challa spot tv marvel black panther

Klaue e Everett Ross

La modifica più sostanziosa riguarda Ulysses Klaue (Klaw nei fumetti), già apparso in Avengers: Age of Ultron con il volto di Andy Serkis. Nell’universo cartaceo è stato lui a uccidere il padre di T’Challa, attivando un desiderio di vendetta nel principe e ritrovandosi senza un braccio. Mentre al cinema la morte del genitore è stata causata da Helmut Zemo, riducendo così Klaue a un ruolo secondario per dare il giusto spazio a Killmonger nel film.
Il braccio mancante c’è, ma in questa sede è opera di Ultron.

È invece rimasto intatto il ruolo di Everett Ross (Martin Freeman). Preso direttamente dalle pagine della gestione di Christopher Priest che a detta di molti rimane il ciclo definitivo di Pantera Nera su carta.

Black Panther fumetto cinema tutte le differenze ed easter eggs

Il futuro del Re

E questo è solo l’inizio per quanto riguarda la presenza del sovrano di Wakanda sui nostri schermi.
È infatti in arrivo la quinta stagione della serie animata Avengers Assemble. Il sottotitolo della serie sarà Black Panther Quest. Questo lascia intendere piuttosto chiaramente che T’Challa, finora relegato a ruoli minori nelle varie trasposizioni televisive della Marvel eccetto una serie di sei episodi del 2010, continuerà ad avere un ruolo di rilievo per tutto il 2018. Lunga vita al re!

®Riproduzione Riservata

Infine i nostri suggerimenti

Per continuare a parlare di Black Panther e dell’Universo Marvel vi invitiamo a iscrivervi al nostro gruppo ufficiale Facebook cliccando su questo link: https://goo.gl/WuhBNo.

Vi invitiamo inoltre nel nostro nuovo canale YouTube dove vengono caricati ogni settimana contenuti esclusivi: https://goo.gl/hpQxd2

1524 views

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *